Il restauro dei divani: un’arte non da tutti

restauro divani

Vuoi restaurare il divano? Cambiare coloro, oppure dargli nuova vita perché antico? Ma ti sei chiesto a quando risalgono i primi divani? Leggiamo insieme un pò di storia!

La storia dei divani

Nell’antichità l’arredamento si limitava a pochi tipi di prodotti, un primo riferimento di poltrone lo troviamo solo all’epoca degli egizi. La  conoscenza dell’arredo  greco e romano si basa su varie fonti e le poltrone erano piccoli troni con spalliera  all’indietro in legni scolpiti e figurette bronzee con piccole teste di animali.

In epoca romana, alle gambe di sedie, poltrone e tavoli , si sostituiscono zampe di leone, iniziando un motivo che ricorrerà nei mobili classicheggianti di tutte le epoche.

Nel XVII sc. prorompe l’arte barocca, compaiono delle nuove tecniche: impiego dell’ebano, in fogli sottili e l’impiego del legno dalle più svariate provenienze. Le sedie a braccioli vengono sostituite da Poltrone in cuoio e poltrone di canna.

Sotto Luigi XV c’erano la marquise (una  poltrona doppia) e speciali sedie girevoli per i tavoli da toeletta. La voyeuse era una sedia con la parte superiore dello schienale ampia e imbottita. Svolgeva anche la funzione di una simile sedia inglese, detta da biblioteca, dove  ci si sedeva a cavalcioni poggiando il libro sullo schienale.

La vera diffusione dei divani

La poltrona più famosa del ‘700 è  la Bergère, una poltrona che aveva lo schienale e i fianchetti sotto i braccioli chiusi con imbottiture o con canna intrecciata. La poltrona Beregere, tutt’ora è la poltrona classica più conosciuta e venduta.
Il periodo neoclassico detto anche “stile Luigi XVI”, fa la sua comparsa nella seconda metà del 1700.

I primi divani o divanetti come le poltrone prendano forme rettilinee, con impiego di decorazioni classiche.

Il XX secolo determina definitivamente lo sviluppo del divano. La novità importante, è che il divano non è più costituito da blocchi inscindibili, ma da elementi raggruppabili e componibili. Il divano comincia ad entrare in tutte le abitazioni come parte integrante dell’arredo fino ad arrivare ad essere, ai giorni nostri, il più importante suppellettile della casa.

Innocenzi Tappezzeria e il restauro dei divani

Pensate al rifacimento del vostro salotto rispetto alla sostituzione quando il divano da rifare è un divano a cui siete affezionati, un divano artigianale di qualità dove vi trovate molto comodi: in questo caso sarebbe davvero uno spreco andare a sostituire il pezzo che dopo un intervento fatto da professionisti sarà alla moda per almeno altri 20 anni.

Da Innocenzi Tappezzeria ogni divano o poltrona viene lavorato in modo completamente artigianale. Verrete coinvolti nella lavorazione, sarete coinvolti in modo che possiate decidere insieme a noi eventuali particolari.

Oltre al restauro dei divani l’azienda si occupa anche del confezionamento di fodere per divani e poltrone offrendovi una copertura pratica e funzionale. Ovviamente il tutto è possibile farlo su misura!